Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest

Quando pagare agenzia immobiliare e come farlo.

Quando pagare l’agenzia immobiliare? Quando si crea il vincolo giuridico per mano del mediatore, quindi anche prima del rogito o del contratto di affitto. L’agente immobiliare deve essere abilitato ed il diritto resta valido anche se l’operazione non va a buon fine.

Quando pagare agenzia immobiliare
L’agenzia va pagata se è abilitata, se è stata diligente e se ha ottenuto il risultato

Chi paga e vincolo

La provvigione agenzia immobiliare per le vendite o gli affitti deve essere pagata da entrambe le parti salvo alcuni casi che rimando al mio articolo dal titolo chi paga l’agenzia immobiliare.

Per capire capire bene il meccanismo che regola il pagamento dobbiamo tenere a mente che l’agente non vende ne affitta immobili ma offre un servizio di mediazione.

Questa è l’affermazione alla base di tutto poiché ci da una chiara indicazione di come questa professione in realtà non abbia come oggetto gli immobili ma i rapporti tra le persone.

La proposta di acquisto è un contratto che recita un accordo tra persone e che se scritto per mano del mediatore matura il diritto alla provvigione, anche se poi non si conclude.

Tutto questo a patto che esso non sfumi per colpa della mancata diligenza del mediatore stesso, punto importante un po troppo spesso omesso.

Per questo è sempre bene affidarsi alle migliori agenzie immobiliari che solitamente svolgono i corretti controlli sugli immobili di cui si occupano.

Nelle compravendite

“Quando devo pagare?” è una delle domande più frequenti sopratutto in chi vuole acquistare una prima casa e non ha esperienze precedenti.

Nella vendita il vincolo giuridico matura con la proposta di acquisto immobiliare che una volta accettata ha valore di contratto preliminare e come tale produce reciproci obblighi.

Quindi, se la domanda è quando pagare agenzia immobiliare o mediatore durante una compravendita la risposta è:

In qualunque momento dopo l’accettazione della proposta.

Aggiungiamo un’altra cosa!

L’agente immobiliare può pretendere il compenso anche se poi non si stipula il contratto definitivo, a patto che l’affare non salti per causa sua.

Non c’è quindi nulla di illegale se il professionista vi chiede di essere pagato prima del rogito. Non c’è una Legge, venditore e acquirente possono sempre accordarsi con l’agenzia per posticipare il pagamento.

Condizioni

La proposta può essere subordinata come nel caso della clausola sospensiva per il mutuo che posticipa gli effetti all’erogazione del finanziamento da parte della banca.

Ci sono però diverse sentenze che sostengo un punto veramente molto importante e secondo cui atti subordinati sono comunque accordi adatti a maturare il diritto alla provvigione.

Ciò crea spesso confusione e si risolve specificando sin dall’inizio della trattativa che l’eventuale clausola di subordinazione tocca anche il diritto al compenso.

Per gli affitti

Non c’è alcuna differenza nel codice civile tra una mediazione per vendita ed una per la locazione e quindi diritti e doveri sono esattamente gli stessi.

Il vincolo nasce sempre con l’accettazione della proposta di locazione da parte del proprietario e da quel momento l’agenzia potrà chiedere di essere pagata.

Come nelle compravendite è possibile prendere accordi su quando pagare l’agenzia immobiliare. In questo caso il momento più sfruttato per staccare l’assegno di solito coincide con la stipula del contratto.

Ruolo del foglio visita

Il foglio visita immobiliare è un vincolo tra agente ed acquirenti o conduttori che firmandolo dichiarano di aver avuto notizia dell’immobile tramite l’agente.

Dal momento in cui si firma il foglio visita dovremo pagare l’agenzia anche se concludiamo l’affare direttamente con il proprietario entro un anno dalla sottoscrizione.

Non ultimo, questo foglietto non vale solo per chi lo firma ma anche per tutte le persone a lui riconducibili quali coniuge, figlie e compagnia bella.

Quando c’è un incarico

Vorrei aprire una parentesi un po spinosa parlandovi del rapporto tra incarico di mediazione per vendita immobiliare su cui ci sono diverse diatribe in corso.

La Legge 39/89 dice che l’agente è colui che mette in relazione due parti senza avere con loro rapporti di mandato, rappresentanza o dipendenza.

L’incarico però è un mandato e per questo teoricamente cancella la natura super-partes facendo venire meno l’obbligo di pagare la provvigione per entrambe le parti.

Quando c’è un incarico dovrebbe essere solo il mandante a pagare l’agenzia. Questo per lo meno secondo l’interpretazione diretta della normativa quasi mai effettivamente applicata nel mercato.

Si tratta di una finezza di cui nessuno parla mai ma che rappresenta un punto importate sul lavoro di tutti noi e sul confine tra venditore e consulente.

Alcuni moduli delle agenzie ristabiliscono l’equilibro contemplando anche una specie di incarico inverso con il quale l’altra parte assume il mediatore per la trattativa.

Non solo, il mediatore può chiedere la provvigione anche quando porta una proposta a condizioni pari o migliori di quelle dell’incarico ed essa non viene accettata.

Quando non pagare l’agenzia immobiliare?

Prima di tutto dobbiamo dire che non bisogna mai pagare un’agenzia non abilitata presso la Camera di Commercio quindi chiedete sempre il patentino per verificare.

L’abusività è un reato penale e vorrei precisarvi che solo l’agente immobiliare può fare mediazione, non il vostro avvocato ne il geometra di fiducia.

Ad ognuno il suo lavoro! Al massimo altre figure possono fare consulenza che amo molto e che svolgo anche io, ma è un’altra cosa.

Poi c’è il dovere di trasparente e puntuale informazione secondo cui l’agente immobiliare non può fidarsi solo di quello che dice il proprietario ma deve controllare.

Questo in merito un po a tutti gli aspetti legati all’immobile sia tecnici che più legati alla parte amministrativa che lo riguarda.

Per fare un esempio, il mediatore non può dichiarare la conformità urbanistica di un immobile poiché per definizione non è ha titolo ma deve assicurarsi di dirvi le cose come stanno.

Come pagarla

Vorrei aprire un capitolo che va di pari passo con il discorso che abbiamo appena fatto e che riguarda i metodi di pagamento.

Un mediatore abusivo non può emettere una fattura per prestata intermediazione ma al massimo per consulenza se è inquadrato fiscalmente.

Per questo motivo se qualcuno vi chiedesse di pagare in nero con tutta probabilità ha qualcosa da nascondere.

Se lo fa un mediatore abilitato ancora peggio, mai accordare pagamenti in nero.

Conclusioni

E’ arrivato il momento di riassumere il nostro percorso e direi di partire con la cosa più importante: si deve pagare un’agenzia immobiliare solo quando è abilitata.

Ovviamente l’agente immobiliare deve meritarsi di essere pagato seguendo alcune regole di base tra cui su tutte spicca il dovere della precisa e corretta informazione.

Per quello che riguarda i termini di tempo per il pagamento avrete capito che non esiste un limite di Legge. Potete concordare con l’agenzia quando pagare ma ricordatevi sempre che prima deve maturare il diritto, non fatelo prima.

Come sempre vi ringrazio per il tempo che dedicate alla lettura di questo blog immobiliare, scritto con amore e passione per il mio lavoro. A presto.

Hai ancora un minuto?

Mi chiamo Fabio Zerbinati e scrivo questo blog con grande amore, vorrei che visitassi la mia biografia!

Con i tasti qui sotto puoi condividere l’articolo sui tuoi social media, sarebbe grandioso!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest

Questo articolo ha 2 commenti.

  1. federico

    se nella proposta non c’è espressa alcuna indicazione circa la percentuale o somma da dare al
    mediatore o agenzia immobiliare questa è dovuta da parte del proponente ?
    vi chiedo gentilmente una risposta tramite mail. grazie

    1. Fabio Zerbinati

      Buongiorno e grazie per avermi scritto. Ho provveduto a copiare questa risposta via email. La proposta di acquisto, una volta accettata dal venditore, si trasforma in un preliminare di vendita a tutti gli effetti. Essa, quindi, è sufficiente a far maturare il diritto alla provvigione per l’agenzia, anche dove essa non sia quantificata. Solitamente a tale scopo vengono fatte firmare dichiarazioni separate.
      Il diritto alla provvigione può venir meno nei casi di dimostrabile mancata diligenza del professionista, quale ad esempio abusi edilizi o mancanza di agibilità non segnalate. I miei migliori saluti, Fabio Zerbinati

Lascia un commento

Benvenuto!

Mi chiamo Fabio Zerbinati e scrivo questo blog con grande amore per il mio lavoro di consulente, sperando che ti sia utile.