Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest

Provvigione agenzia immobiliare, caratteristiche e tutele.

La provvigione agenzia immobiliare è il compenso dovuto al mediatore per la conclusione dell’affare. Ha un costo compreso tra l’1% ed il 5% per la vendita mentre per l’affitto da una mensilità al 15% del canone annuo oltre iva. Non è dovuta se l’agente non è abilitato presso la Camera di Commercio o se tace circostanze sull’immobile.

provvigione agenzia immobiliare
Il compenso all’agente deve essere il risultato di un ottimo lavoro

A quanto ammonta

Le aliquote variano tra l’1% ed il 5% più IVA del prezzo di vendita mentre negli affitti in misura del 10%-15% o come corrispondente alle mensilità.

In alternativa alcune agenzie chiedono onorari forfettari che sono ammissibili purché non costituiscano sovra prezzo.

Importi che incidono in modo rilevante sia sui costi per la vendita sia su quelli per l’acquirente con alcune differenze tra grandi città e piccoli centri.

Prassi sbagliata nel principio poiché l’agenzia del servizio godono entrambi gli attori in egual misura.

Non può essere un sovra prezzo

Il compenso dell’agenzia non può mai essere la differenza tra il prezzo richiesto dal proprietario ed il ricavato della vendita.

Il ricavato corrisponde al costo delle singole componenti dell’immobile e quindi trattenerne una parte è appropriazione indebita.

Purtroppo a volte si vede applicare questa linea ma il mio consiglio è di scappare a gambe levate.

Chi la paga?

Il mediatore è colui che mette in relazione due o più parti per concludere un affare senza avere con esse rapporti di dipendenza, mandato o rappresentanza.

L’equidistanza dalle parti produce il dovere di pagamento sia in capo al venditore che all’acquirente.

Questo recita la norma ed il consueto uso, con alcune eccezioni che affrontiamo adesso.

Regime atipico

Esistono professionisti che non lavorano in regime super-partes ma a favore di un solo cliente ed il conseguente squilibrio rientra nel concetto di intermediazione immobiliare atipica.

Senza equidistanza anche la provvigione agenzia immobiliare dovrebbe essere corrisposta solo dal cliente specifico di ogni singolo professionista.

Il listing agent ad esempio è un consulente di parte del proprietario, mentre il property finder è il suo opposto e lavora per il soggetto intento all’acquisto di un immobile.

Questo tocca in realtà anche le strutture”tipiche” quando lavorano con un incarico di mediazione per la vendita che di fatto crea un rapporto di mandato.

Su questa base spesso la Giurisprudenza ha visto negata la provvigione dalla controparte sostenendo lo squilibrio causato dall’incarico stesso.

Molte strutture sono corse ai ripari includendo nella proposta anche un mandato opposto conferito dall’acquirente per trattare l’immobile.

Questa prassi ripristina l’equilibrio ed impone ad entrambe le parti il pagamento, ma resta una grande diatriba di cui parlo nel mio articolo intitolato ” Chi paga l’agenzia immobiliare “.

Collaborazione

Sempre sullo stesso argomento una nota di approfondimento è doverosa nel caso di collaborazione tra agenzie immobiliari.

Si tratta di un’attività in cui due distinte strutture intervengono nello stesso affare, ognuna in rappresentanza del loro specifico cliente.

In questo caso solitamente ogni struttura percepirà compenso solo dal proprio assistito.

Cosa comprende

La provvigione agenzia immobiliare comprende tutte le attività svolte per raggiungere l’obiettivo.

  • Produzione contenuti
  • Costi vivi di trasferimenti e telefonia
  • Pubblicità
  • Onorario

Non comprende imposte sulla vendita dell’immobile o sull’acquisto, bolli e compagnia bella ma ci possono essere casi in cui vengono pattuite attività particolari.

Per farvi un esempio io nel compenso da parte del venditore includo la relazione tecnica integrata, ma è una mia scelta.

Altri esempi possono essere video aerei con drone, attività particolari quali open house immobiliari o home staging e quindi tutto resto in mano agli accordi che si prendono.

Quando è dovuta

Il vincolo giuridico sul diritto alla provvigione si manifesta l’accettazione di una proposta irrevocabile di acquisto da parte del venditore che costituisce contratto preliminare.

Essa dimostra che la conclusione dell’affare è avvenuta grazie all’attività di mediazione ed il corrispettivo si deve pagare da quel momento in poi, mai pagare l’agenzia immobiliare prima.

Vi consiglio di leggere il mio articolo sulla condizione sospensiva mutuo nella proposta di acquisto per ampliare un po il discorso in caso ci sia una richiesta di finanziamento in corso.

Quando non è dovuta

Non è dovuta quando l’agente immobiliare non è abilitato presso la competente Camera di Commercio e quando egli non applica la corretta diligenza.

Per far alcuni esempi il mediatore non ha diritto al compenso se ha taciuto all’acquirente informazioni conoscibili o se ne ha fornite senza adeguate verifiche.

Di tutti questi aspetti parlo in modo più approfondito nel mio articolo intitolato “Quando pagare l’agenzia immobiliare“.

IVA sulla commissione

Già che abbiamo menzionato la parte fiscale facciamo chiarezza sui relativi numeri.

L’Iva sulla provvigione agenzia immobiliare oggi è al 22% in tutti quei casi in cui il mediatore operi in regime IVA, ovviamente.

Esclusi anche per il 2020 sono, infatti, i clienti che si avvalgono di mediatori in regime forfettario iva esente.

E’ detraibile?

Si, è deducibile in sede di dichiarazione dei redditi mezzo modello 730 per l’acquisto prima casa nella misura del 19% su un massimale di 1000€.

Questo vale solo per il compratore che se rappresentato da più soggetti con i requisti dovrà ripartire la detrazione in base alle quote di proprietà.

Anche in questo caso, per usufruire della detrazione è necessario che il mediatore sia regolarmente abilitato e che la sua posizione sia attiva.

Come non pagare

In questo capitolo vi svelo il trucco più efficace per non pagare una provvigione.

Evitare di avvalersi del mediatore.

Non è un obbligo di Legge e sfruttare l’intervento di professionisti è e deve rimanere una libera scelta.

Scelta che, bisogna dirlo, molti vedono come un costo fine a se stesso mentre quando ci si affida alle migliori agenzie immobiliari è un ottimo investimento per ottenere il meglio.

Conclusioni

La provvigione agenzia immobiliare è dovuta da chi vende o acquista, come pure affitta, quando il mediatore abilitato opera con diligenza.

Deve essere pagata sempre e solo dopo il perfezionamento degli accordi in forma scritta e sempre con mezzi tracciabili.

Costituisce di fatto un punto economico importante nel mercato immobiliare e quindi è sempre bene sincerarsi che venga paga nella giusta misura.

Evitate, per favore, di pagare in nero e diffidate da chi ve lo chiede.

Vi ringrazio per il tempo che dedicate ai miei articoli che sono tutti scritti di mio pugno con grande amore per il mio lavoro, nella speranza che possano esservi utili.

Hai ancora un minuto?

Mi chiamo Fabio Zerbinati e scrivo questo blog con grande amore, vorrei che visitassi la mia biografia!

Con i tasti qui sotto puoi condividere l’articolo sui tuoi social media, sarebbe grandioso!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest

Questo articolo ha 2 commenti.

  1. Fede

    Buonasera, chiedo un informazione.
    A inizi gennaio tramite sito di vendite immobiliari ho notato una nuova costruzione.
    Ci siamo recati in agenzia nella quale abbiamo visionato le piantine generali e richiesto informazioni sui costi nel caso avessimo richiesto aggiunta di un locale.
    Successivamente non abbiamo più trovato interesse per gli immobili perche in cerca di altro.
    Verso maggio in un vicino cantiere il costruttore ha messo i suoi recapiti, e dato la conoscenza del costruttore ci siamo recati da lui e visionarlo fino ad arrivare al compromesso.
    Premetto che in agenzia non si è arrivata a trattativa alcuna ne scrittura effettiva di costi e tanto meno effettivo interesse mostrato.
    Ora l’agenzia rivendita le provvigioni è corretto?
    Grazie del suo aiuto rimango in attesa di gentile riscontro

    1. Fabio Zerbinati

      Buonasera, per definizione il mediatore è “colui attraverso il cui operato due o più parti vengono messe tra loro in contatto” e questo è avvenuto ad inizio anno, seppur sia mancato il perfezionamento contrattuale. Basti pensare che spesso nei famigerati “Fogli visita” viene proprio menzionata la voce “…dichiaro di aver ricevuto informazioni per la prima volta dall’agenzia XXX”. Ora a distanza di soli pochi mesi ed a parità di condizioni economiche iniziali il fatto di aver reperito in autonomia il contatto del proprietario non cancella quanto successo in precedenza e dunque l’agenzia, forte appunto dell’aver fornito per prima le informazioni, rivendica. Onestamente non li biasimo. La disciplina, però, è ampia e come già accennato suscettibile di tutte le norme del libero mercato e inerenti la mediazione. Per questo motivo mi è impossibile fornire una “sentenza” non avendo il quadro completo degli eventi e delle informazioni scambiate in merito a prezzi, accessori ecc. Sperando di esserle stato utile colgo l’occasione per inviare i miei migliori saluti. Fabio Zerbinati

Lascia un commento

Benvenuto!

Mi chiamo Fabio Zerbinati e scrivo questo blog con grande amore per il mio lavoro di consulente, sperando che ti sia utile.