Fotografia immobiliare |Trucchi e consigli per interni ed esterni
La fotografia immobiliare oggi è il primo strumento per la promozione degli immobili in vendita.

Fotografia immobiliare |Trucchi e consigli per interni ed esterni

La fotografia immobiliare negli ultimi anni ha fatto passi da gigante, specialmente in seguito alla conversione internet del mercato

Se pensiamo a pochi anni fa gran parte degli annunci erano su quotidiani e riviste specializzati che mostravano solamente una fotografia per immobile. Oltre tutto in bassa qualità.

Discorso molto diverso quello odierno dove su tutti ogni portale immobiliare o sito istituzionale di ogni agenzia immobiliare a Bologna e non trovate per ogni annuncio decine di foto in alta qualità, spesso realizzate da fotografi professionisti.

Ad una prima analisi questo può sembrare uno sviluppo importante a favore della chiarezza dell’annuncio ma ho diverse considerazioni da fare.

La fotografia immobiliare deve descrivere e non inventare

La qualità della fotografia immobiliare odierna è elevatissima grazie alla tecnologia digitale che permette grandiose elaborazioni post-produzione per correggere luce, esposizioni, difetti. I fotografi sotto l’ordine ,comprensibile nell’ottica commerciale comune, di agenzie e venditori mettono il turbo per provare a vendere casa velocemente ai propri assistiti. Grandangoli e prospettive ad hoc per “ampliare” gli ambienti sono diventanti un must e l’effetto spesso è effettivamente valido.

Questo tipo di contenuti “sparati” sui portali immobiliari a grande offerta fanno la differenza ed il numero di visite all’annuncio aumenta esponenzialmente.

Il numero di vendite però molto meno e qui casca l’asino.

Se un compratore investe il suo prezioso tempo in un sopralluogo dopo aver visto quelle foto meravigliose e poi sul posto viene riportato, come è ovvio, alla realtà il risultato è pessimo. Non solo non compra l’immobile ma a volte perde anche la pazienza ed a mio avviso ha ragione piena.

Come al solito servirebbero equilibrio e ragionevolezza che però spesso in questa materia vengono meno.

La migliore fotografia immobiliare è quella che esalta l’esistente, non quella che lo maschera

La fotografia immobiliare può essere “pericolosa” per chi vende.

Con questa frase so benissimo che mi tiro addosso le ire degli altri agenti immobiliari e dei fotografi poco attenti, ma non mi interessa e vi spiego il motivo.

Siti immobiliari come immobiliare.it o casa.it che sono i più utilizzati sono visitati liberamente e senza registrazione da milioni di persone al giorno. Persone da ogni parte del Paese. Anche quelle non necessariamente interessate all’immobile in questione ma semplicemente “curiose”.

Persone che potrebbero essere tutte onestissime ma anche no. Dato di fatto.

Trucchi per Fotografare Interni

A questo punto io lo so benissimo che la maggior parte di noi non ha quadri di Picasso in casa, ma alcuni hanno comunque cose di valore nelle proprie abitazioni o semplicemente la loro vita esposta. Un discorso che a mio avviso è valido per qualunque tipo di immobile.

Con la fotografia immobiliare è normale che vengano inquadrati tutti gli oggetti presenti. Verranno, inoltre, collocati spazialmente nell’abitazione e quest’ultima verrà “messa a nudo” nella sua composizione interna.

Primo trucco per fotografare interni: fate sparire tutte le cose di valore e gli effetti personali che vi possano rendere visibili e riconoscibili. Togliere anche le vostre fotografie di famiglia, in particolar modo se ritraggono i vostri figli.

Eccesso? NO.

Secondo trucco, non fare fotografie di ciò che si vede dalle finestre. Permettono di triangolare la posizione dell’immobile con precisione millimetrica.

Fotografare gli esterni, con cautela

Mi rendo conto come un set di fotografia immobiliare come si deve debba comprendere gli esterni dell’immobile.

Questo però implica molte cose ed i miei dubbi sulla validità del sistema sono ogni giorno più consistenti.

E’ ovvio come questo discorso perda peso quando ad essere pubblicizzato è un immobile vuoto, ma nella maggioranza dei casi non è così.

Attrezzatura per la fotografia immobiliare.

Questo non è un articolo dedicato ai professionisti del settore. Se state pensando di vendere la vostra casa avete due strade principali.

La prima è quella che prevede l’intervento di un’agenzia immobiliare. Da essa pretendete la nomina di un fotografo professionista che avrà ovviamente già la sua attrezzatura.

Se preferite la vendita da privato evitare accuratamente di scattare pessime foto con il telefonino, magari buie e sfuocate come il 90% di quelle che si vedono nei siti di annunci per privati

Lo smartphone può fare fotografie eccellenti, non ai livello di un fotografo professionista ovviamente, ma i risultati buoni necessitano di accorgimenti.

In primis cavalletto, sempre. Posso anche consigliarvi un prodotto Samsung chiamato “Samsung Lens Cover”. Una cover per S7 ed S8 con vite a cui agganciare lenti per la fotocamera. Un grandangolo leggero applicato allo strumento che avete sempre in tasca con accettabili risultati.

Fotografia immobiliare prezzi

Abbiamo detto che nel caso lavoriate con un’agenzia immobiliare il fotografo solitamente lo presenterà lei ed il relativo costo sarà compreso nella provvigione.

Se invece lo chiamate voi, i prezzi variano da professionista a professionista e solitamente vanno di pari passo con la qualità. Non sempre, ma spesso.

Parlando di numeri a Bologna un buon set fotografico spazia tra i 300€ ed i 600€ per un appartamento.

Se poi vogliamo andare oltre e provvedere a riprese aeree con drone per valorizzare una villa o servizi di post produzione altamente professionali si può arrivare anche a 2000€ tranquillamente.

Nel 90% dei casi le soluzioni base sono più che funzionali al vostro scopo e sempre migliori del fai da te.

Grazie per il tempo che mi avete dedicato, a presto!

Fabio Zerbinati

Sono un agente immobiliare oltre che perito a Bologna. Il mio lavoro è aiutare persone ed aziende a vendere i propri immobili. Mi occupo sia del comparto residenziale sia commerciale/produttivo, mia grande passione. Ho aperto questo blog circa 2 anni fa ed oggi con quasi 10,000 visite al mese è diventato 'l'espressione digitale" di tutto il mio lavoro. Negli ultimi due anni mi ha portato anche ad essere chiamato come relatore/docente in corsi sulla corretta diligenza immobiliare. Sempre sullo stesso argomento ho registrato webinar e basato la mia crescita professionale. Sono contributore 2019 della business unit di "World Bank". Qui sotto ci sono i miei contatti social media, ci vediamo li?

Lascia un commento