Foglio visita immobiliare

In questo articolo parlo di:

Il foglio visita immobiliare chiede la prima firma a cui gli utenti sono chiamati durante le attività di ricerca di un immobile e comporta un vincolo con l’agenzia immobiliare.

Conoscerne il corretto funzionamento e cosa comporta la sua sottoscrizione è di prima importanza non solo per chi vuole comprare casa.

Le dinamiche collegate, infatti, hanno effetti bilaterali su tutti gli attori della compravendita in termini di diritti e doveri maturati. Andiamo per gradi ed approfondiamo

Cos’è il foglio visita immobiliare

Si tratta di una dichiarazione unilaterale, almeno solitamente, in cui chi svolge il sopralluogo conferma formalmente che ha visto quell’immobile per la prima volta grazie all’operato del mediatore.

Non solo, nei recenti fogli visita è inclusa anche la dicitura “aver ricevuto informazioni per la prima volta”.

Dopo questa prima linea guida andiamo un po più a fondo per gradi, vi lascio un breve indice così vi fate un’idea di cosa parleremo.

Come è fatto un foglio visita immobiliare

Ho sempre ritenuto che questa scrittura non sia considerabile contratto, per lo meno nella sua forma classica.

Presenta i dati anagrafici del visitante, l’identificazione dell’immobile, la data e le varie “spunte” riportanti le dichiarazioni di cui vi ho parlato nel paragrafo precedente.

Non prevede solitamente la controfirma del proprietario ne dell’ agenzia immobiliare.

Ritengo fuori luogo e scorretto che un foglio visita immobiliare contenga degli accordi in merito all’eventuale aliquota della provvigione agenzia immobiliare in caso di acquisto. A volte succede ed il motivo risiede proprio nel forte legame intrinseco tra la visita ed il rapporto con l’agenzia stessa.

Insomma, è meramente una strumento di dimostrazione dell’operato dell’agenzia ma non della qualità dello stesso.

A cosa serve

Il foglio visita immobiliare serve all’agente per dimostrare formalmente che il compratore ha visitato l’immobile grazie al suo operato e quindi se quest’ultimo comprerà l’immobile dovrà corrispondere la provvigione.

Ricordiamo infatti che a livello legislativo il lavoro del mediatore ha come scopo quello di mettere in relazione due o più parti, con le quali non ha rapporti di dipendenza mandato o rappresentaza, al fine di concludere un affare.

E’ quindi anche una tutela del professionista contro eventuali persone scorrette che dopo aver sfruttato il suo lavoro per vedere la casa provano a scavalcarlo contattando direttamente il proprietario.

Qualcuno sostiene che serve anche al candidato compratore per dimostrare che magari ha visto l’immobile prima di qualche altro pretendente. La realtà pratica è che “vince” chi si mette seduto per primo a scrivere una proposta di acquisto. Nonostante non ami questi tanti decantati moduletti, questo è quello che succede nel 90% dei casi.

Termini di validità del foglio visita immobiliare

Lo ha firmato vostra moglie in una visita singola o durante un open house? Vale anche per voi, per vostro figlio e per persone o aziende a voi strettamente riconducibili.

Dal punto di vista temporale la validità è di un anno, ma subentrano molte variabili che possono derogare questa affermazione legislativa.

E’ ovvio che eventuali diatribe sui diritti creati dal foglio visita immobiliare devono sempre tenere in considerazione l’aspetto di lealtà e buona fede.

Comportamenti atti ad un mero risparmio sulla provvigione hanno molta meno valenza di altri legati ai diritti dei consumatori. Ad ogni casistica, la propria linea.

Non c’entra nulla con l’informativa privacy

Alcuni mediatori poco seri fanno firmare il foglio visita immobiliare, magari con tanto di aliquota della provvigione, spacciandolo come informativa privacy.

Quest’ultima deve si essere fatta firmare dal professionista durante la visita per autorizzazione al trattamento dei dati personali, ma è tutta un’altra cosa.

Un’agenzia immobiliare ha sempre il dovere della trasparenza e della corretta informazione. Purtroppo eventuali mancanze in questo senso sono difficilmente dimostrabili in sede di eventuali discussioni, quindi attenzione all’atteggiamento.

Cosa succede se non firmate il foglio visita immobiliare

Nessuno vi arresta tranquilli, non è un obbligo di Legge. Quello che può succedere è che il professionista si rifiuti di mostrarvi l’immobile.

Questo è uno di quei motivi per i quali mediatori che lavorano sovente senza incarico di mediazione per vendita immobiliare in esclusiva vi fissano l’appuntamento a centinaia di metri dall’immobile in vendita.

Così se non firmate, non saprete mai quale è la casa sul mercato e non potrete provare a scavalcarli.

Se avete letto questo articolo probabilmente siete sul mercato per comprare un immobile: perché non date un’occhiata alle mie case in vendita?

Vi lascio anche il link ad una sentenza interessante, così potete approfondire con un caso studio.

Come sempre vi ringrazio per il tempo dedicato all’articolo, se state per intraprendere una compravendite potete richiedermi una consulenza immobiliare. A presto.

Questo articolo ha 12 commenti.

  1. Gabriele

    Buongiorno, ho visionato un immobile prima con un’agente immobilare che mi ha sottoposto un “foglio visita” fai da te facendomi firmare praticamente un foglio a quadretti in cui ha inserito il mio nome, cognome e data di nascita. In seguito ho rivisto la stessa casa con un altro agente che ho poi scoperto essere effettivamente il mandatario da parte dei proprietari, questo non mi ha chiesto di firmare nulla.
    I proprietari dell’immobile mi hanno quindi riferito che la prima agente era stata loro inquilina in affitto per qualche mese e a lei non hanno dato nessun mandato di vendita.
    Io vorrei acquistare l’immobile affidandomi all’agente che ha il mandato.
    Il foglio a quadretti da me firmato ha un valore? Basterebbe quello per impormi di pagare la provvigione anche alla sedicente professionista?
    Non so se sia utile ma non ho ovviamente firmato nessun consenso all’utilizzo dei miei dati.
    Grazie, saluti

    1. Fabio Zerbinati

      Buonasera e grazie per avermi scritto. Il supporto cartaceo non conta, è il contenuto che fa la differenza. Controlli prima di tutto che la prima “agente” sia dotata del titolo presso la Camera di Commercio, se non lo ha non ha diritto ad alcuna provvigione. I miei più cordiali saluti, Fabio Zerbinati

  2. Riccardo

    Buongiorno,
    Nel caso di immobile posto in vendita con 2 diverse agenzie immobiliare
    Vedo l’appartamento con l’agenzia A che mi fa firmare il modulo di visione immobile.
    Poi l’agenzia A si rende irreperibile, quindi tratto lo stesso immobile con l’agenzia B.
    Sono in regola oppure ho degli obblighi con l’agenzia A ?
    Grazie e Saluti.
    Riccardo

    1. Fabio Zerbinati

      Buonasera e grazie per avermi scritto. Purtroppo l’agenzia A, pur non meritandoselo, ha titolo. Questo almeno secondo la linea generale. Onde evitare discussioni sarebbe opportuno raccogliere le prove di irreperibilità. Un altro punto importante è il prezzo e le condizioni di acquisto proposte dall’agenzia B in pubblicità, se sono più vantaggiose (anche a livello provvigionale) della A il codice del consumo ci corre in aiuto. I miei migliori saluti, Fabio Zerbinati

  3. Gianfranco

    Buongiorno,
    in merito a
    “Dal punto di vista temporale la validità è di un anno, ma subentrano molte variabili che possono derogare questa affermazione legislativa.”
    quali possono essere le variabili?
    Grazie

    1. Fabio Zerbinati

      Buonasera e grazie per avermi scritto. In primis i fattori legati al codice del consumo ed alla libertà del comprare di produrre l’acquisto ove le condizioni palesemente più vantaggiose. Cordiali saluti, Fabio Zerbinati

  4. D

    SALVE
    HO UN PROBLEMA, GLI AFFITTI ANCORA ABITATI SI POSSONO FAR VISITARE ?
    IL PROPRIETARIO DI CASA HA DECISO DI VENDERLA , MA L’AFFITTO E ANCORA ABITATO, TRA CUI CE UNA MINORENNE ED UNA PERSONA SUI QUASI 60 ANNI. SI PUO FAR VISITARE L’APPARTAMENTO?

    GRAZIE

    1. Fabio Zerbinati

      Buonasera e grazie per avermi scritto. Spesso la clausola viene riportata sul contratto e le visite devono essere pattuite, mediamente, nella misura di una/due volte la settimana in orari decisi con il conduttore. Il proprietario, ove non pattuito, non può mai entrare in casa senza autorizzazione del conduttore. Il mio consiglio è di pattuire con lui alcune sessioni in cui raggruppare i clienti per limitare il disturbo ed ovviamente, visto il momento, di pretendere l’applicazione di tutte le norme sanitarie necessarie. Cordiali saluti, Fabio Zerbinati

  5. Marianna

    Abbiamo visto un appartamento con un’ Agenzia nel mese di Luglio 2019 e abbiamo firmato il foglio visita. All’epoca non c’erano le condizioni per l’acquisto e quindi non abbiamo fatto alcuna proposta. Adesso stiamo rivalutando la cosa, ma vorremmo farci seguire dall’agenzia che ha venduto la nostra casa. Essendo passato più di un anno abbiamo ancora dei vincoli verso l’agenzia con cui l’abbiamo visionato l’anno scorso? Grazie

    1. Fabio Zerbinati

      Buonasera e grazie per avermi scritto. Un anno è un lasso di tempo abbastanza lungo direi ma ovviamente non mette al riparo da eventuali richieste di cui successivamente sarà da definire la legittimità. In questo gioca un ruolo fondamentale anche il prezzo di vendita dell’immobile rispetto al momento della visita, secondo quanto dettato dal libero mercato. Se oggi l’immobile costa molto meno si potrebbe avere un’arma in più per difendersi. Purtroppo non è possibile dare una sentenza unica e granitica, almeno dal mio punto di vista. I miei più cordiali saluti, Fabio Zerbinati

  6. Vincenzo

    Rispondete se potete, sto cercando di acquistare un immobile, l ho visto mediante un agenzia pur conoscendo il proprietario. La proposta che ho fatto è stata rifiutata tra poco scade il mandato e ne voglio fare un altra proposta pure privatamente ma con importo maggiore. L agenzia può rivalersi in questo caso

    1. Fabio Zerbinati

      Buongiorno, l’unico modo per non pagare un’agenzia immobiliare è di non rivolgersi ad essa. Nel suo caso sarebbe, mi viene da dire giustamente, richiesta la provvigione. Cordiali saluti, Fabio Zerbinati

Lascia un commento

Di cosa parla l'articolo: