fbpx

Chi vende casa paga il Notaio? Solitamente no, vi spiego tutto qui.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email
A VPN is an essential component of IT security, whether you’re just starting a business or are already up and running. Most business interactions and transactions happen online and VPN
chi vende casa paga il Notaio

Moltissime persone che si affidano a me per la cessione dei propri immobili tra le prime cose mi chiedono se chi vende casa paga il Notaio oppure ha altri costi da sostenere.

Vediamo insieme una rassegna dei punti salienti del rapporto tra Notaio e venditore, ecco un indice dei contenuti:

Il ruolo del Notaio

Partiamo dalle basi definendo quale è il ruolo del Notaio. Egli è un pubblico ufficiale e per questo azioni ed atti da lui formulati hanno pieno peso giuridico.

All’interno di una compravendita egli verifica la corretta identità delle parti mentre non ha obblighi diretti di verifica urbanistica degli immobili o circa la presenza di abusi edilizi. Per quest’ultimo punto può rivolgersi o indirizzare il venditore a tecnici abilitati per redigere una certificazione di corrispondenza urbanistica, verificare la presenza del certificato di agibilità e tutto il resto. Ricordo che tali doveri di controllo sono una diligenza del venditore.

Egli inoltre ha il compito di verificare l’assenza di vizi, ipoteche, trascrizioni oltre alla regolarità generale della transazione nel suo complesso.

E’ inoltre responsabile d’imposta. Ossia viene chiamato per primo in causa a seguito di accertamenti dell’Agenzia delle Entrate circa il versamento delle tasse di una compravendita.

Solitamente, non per giurisprudenza ma per uso, in Italia chi vende casa paga il Notaio solo per attività legate alla sua posizione e non altre quali onorario per la stipula dell’atto o imposte dirette.

Chi vende casa paga il Notaio in base agli usi

Il primo dettato dal comune accordo con il compratore. Non essendoci una norma in merito ma un uso tale può essere derogato. Se ci stiamo chiedendo come vendere casa ricordiamoci sempre che il comune accordo delle parti, ove coerente alle normative, può fare grandi cose.

Qui se all’interno della negoziazione nasce un accordo di divisione del pagamento dell’onorario è possibile applicarlo.

Attenzione, solo dell’onorario e non delle imposte quali quali imposta di registro, ipotecarie e catastali.

Chi vende casa paga il Notaio anche per un’ulteriore formalità: l’accettazione tacita di eredità in caso di vendita casa o altri immobili pervenuti per eredità. E una atto che “consolida” la qualità di erede ai parenti del defunto a rafforzamento giuridico della normale successione.

Viene richiesta dal Notaio per ogni venditore ove l’oggetto contrattuale sia lui pervenuto, appunto, per successione. In caso di più comproprietari ognuno di essi sarà gravato della spesa in pari misura. A Bologna si parla mediamente di circa 500 euro a testa.

Chi sceglie il Notaio

L’uso prevede che sia chi vuole comprare casa a scegliere il pubblico ufficiale rogante. Coerente questa linea con quella economica dei pagamenti. Nel caso vi avvaliate di intermediazione sappiate che l’agente immobiliare può consigliarvi, ma non imporre lo studio Notarile.

Rimanendo sul tema intermediazione il mio consiglio è quello di chiarire sin dalla proposta irrevocabile di acquisto la corretta ripartizione delle spese in merito e possibilmente anche nominare direttamente lo studio.

Ovviamente dell’azione del Notaio gode anche il venditore in un regime super partes.

Anche qui non siamo di fronte ad una norma e quindi l’asserzione è derogabile anche se solitamente la si segue.

Per farvi un esempio vi riporto quello di alcuni cantieri di cui ho seguito la vendita.

In più casi avevamo, come parte venditrice, nominato un Notaio per fornire ai compratori un pacchetto agevolato all-inclusive. Tale scelta però non era vincolate, ovviamente.

Una nota, non necessariamente il Notaio rogante è lo stesso che redige il preliminare di compravendita.

Chi vende casa paga il Notaio per le attività extra

Completiamo il discorso dicendo che, oltre alle media, esistono casi in cui il carico economico sul venditore aumenta.

Sempre per fare un esempio questo accade quanto per mezzo dello studio Notarile vengono messe in opera altre attività.

Esempio? Recentemente con un mio Cliente venditore abbiamo incaricato lo studio rogante per identificare i confinanti di un terreno agricolo al fine della notifica dell’atto per l’esercizio del diritto di prelazione.

Se vi fa piacere ho scritto un altro articolo su quanto costa vendere casa, così potete farvi un quadro più completo.

Qui sotto trovate qualche informazione su di me, il box commenti ed i collegamenti ai miei social media. Grazie per il tempo dedicato all’articolo.

A presto.

Di seguito trovi i tasti per condividere l’articolo sui tuoi social oltre ovviamente al box commenti se hai domande.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Fabio Zerbinati
Fabio Zerbinati
Agente immobiliare e perito a Bologna. Da oltre 10 anni il mio lavoro è aiutare persone ed aziende a vendere i propri immobili. Sono l'autore del blog "Movimenti Immobili", appassionato di diligenza immobiliare e nel 2019 contributore della business unit di "World Bank".

Lascia un commento

Raggiungimi sui social

Un modo per tenersi in contatto e scambiare pareri

Ricevi gli articoli
Se mi lasci la tua email te li spedirò in anteprima
Newsletter
Devi vendere casa a Bologna?
Richiedimi una valutazione gratuita e senza impegno

Mi lasceresti la
tua email?

Vorrei inviarti i prossimi articoli e qualche notizia, senza mai esagerare. Odio lo spam.