Notaio richiede dichiarazione urbanistica di un tecnico

29 maggio 2017 di Fabio Zerbinati
Notaio richiede dichiarazione urbanistica di un tecnico.

Il Notaio richiede dichiarazione urbanistica di un tecnico per garantire maggiore sicurezza nelle transazioni immobiliari.

Secondo una recentissima disciplinare del Consiglio Notarile è necessario che i Notai tutti invitino i venditori degli immobili ad incaricare un tecnico abilitato al fine di redigere una dichiarazione di conformità urbanistico-edilizia valida ad ogni effetto e ragione di Legge. Ovvero, da oggi il Notaio richiede dichiarazione urbanistica di un tecnico da allegare a tutti i restanti documenti necessari per la stipula del rogito. Analizziamo per gradi questa importante novità per il mercato Italiano ed i suoi utenti.

La situazione e gli usi prima della disciplinare.

“Il venditore dichiara e garantisce che il bene è stato costruito in forza di regolare licenza di costruzione PG n°xxxxxxxxx del xx-xx-xxxx, e che da allora non ha subito modifiche tali da dover richiedere l’aggiornamento dei titoli edilizi ecc ecc”.

Così recita, mediamente, un rogito Notarile nel momento in cui viene menzionata la situazione urbanistica di un immobile e si basa su un principio fondamentale: Il venditore di un immobile deve garantire della cosa venduta sia sotto gli aspetti amministrativi e tecnici. Non il Notaio o l’agenzia come molti sono soliti affermare.

Certo il Notaio si assicura della situazione ipotecaria e delle trascrizioni anche grazie alla relazione ventennale ed a quella catastale ai fini dell’equità della rendita, ma oggi è necessario andare oltre. Stesso dicasi per l’agenzia, più è diligente meglio è ma le vere obbligazioni in materia, salvo quanto previsto specificatamente dal codice in materia di intermediazione, sono a carico del venditore.

Il problema sorge da sempre nella parte riguardante la vera e propria materia urbanistica-edilizia. Infatti, per redigere un’accurata due diligence in materia è necessario prima di tutto che un tecnico abilitato provveda ad un preciso rilievo dello stato dei luoghi e che successivamente le risultanze vengano confrontate con quanto depositato in Comune (ed in catasto, quindi da ciò si evince come tali attività abbiano anche risvolti in ordine fiscale come per esempio l’aggiornamento della rendita catastale).

due diligence immobiliare bologna

Fino ad oggi solo pochissimi Notai in Italia imponevano una verifica di questo tipo, basandosi la maggior parte sulle dichiarazioni di conformità stipulate in atto pubblico e sottoscritte dallo stesso venditore dell’immobile senza ulteriori avvalli.

Il problema? Se chi vende non ha le necessarie competenze e titoli in materia come può accertare lui stesso la regolarità dell’immobile?

Proprio su questo punto il Notariato muove oggi passi molto importanti, dovuti anche al forte aumento di obbligazioni in materia urbanistica-edilizia e di transazioni immobiliari che ha colpito il settore nell’ultimo decennio dopo diversi altri caratterizzati da minore attenzione a queste dinamiche.

La semplice dichiarazione del venditore, non essendo essa basata su effettive competenze che ne sanciscano la validità in termini di Legge, non è più sufficiente. Tale dichiarazione in atto pubblico deve essere avvallata da un tecnico abilitato: geometra, architetto o ingegnere. (Finalmente ndr).

Il Notaio richiede dichiarazione urbanistica di un tecnico.

E’ infatti compreso nella disciplinare un modello di “certificazione dell’immobile” che se da un lato può essere sostituito da quelli usuali del tecnico incaricato, dall’altro pone subito all’evidenza la necessità di svolgere una vera e propria due diligence che descriva nel modo più preciso possibile la situazione urbanistica ed edilizia dell’immobile in corso di cessione e le eventuali difformità dallo stato legittimo e da quello catastale.

Chi deve farla e chi deve pagarla?

Il principio di base non è variato: E’ il venditore che deve garantire della cosa che vende e per questo è a suo carico la cura e la spesa per la redazione della due diligence con l’unica differenza che se prima solo pochissimi utenti in Italia provvedevano ai giusti controlli, ora il notaio richiede dichiarazione urbanistica di un tecnico

Questo aiuta anche a pareggiare i conti “spese accessorie” tra venditore ed acquirente in quanto finora era quest’ultimo ad esserne gravato interamente: Notaio, tasse, atto di mutuo, registrazione della proposta, redazione del preliminare ecc ecc.

Di certo, dall’altra parte siamo di fronte ad un’ulteriore spesa generale sulla transazione che di certo non favorisce la velocità di scambio e la giusta monetizzazione, fattore questo non trascurabile ma sicuramente superato dal notevole aumento di tutela per le parti tutte dell’operazione immobiliare valutando il fatto che tramite tali dichiarazioni sicuramente il mercato vedrà una grandissima riduzione dei contenziosi legali derivati da inadempienze contrattuali in ambito di compravendite immobiliari.

Il Notaio richiede dichiarazione urbanistica di un tecnico per garantire maggiore sicurezza alle parti: una nota anche sulle agenzie immobiliari.

Tenete presente che prendendo come riferimento Bologna, per redigere correttamente la dichiarazione servirà oltre un mese, a seconda del tempo impiegato dal Comune per fornire le copie dello stato legittimo dell’immobile. Quindi per assicurarvi di rispettare la tabella di marcia della vostra operazione immobiliare assicuratevi che l’agenzia immobiliare sia già in possesso o almeno sia in attesa (quindi pratica già avviata) della dichiarazione di conformità urbanistica dell’immobile che volete comprare. Se, invece, lo state vendendo provvedete a convocare il tecnico quando firmate l’incarico di vendita.

Lo ricordiamo ancora: Le proposte di acquisto redatte dalle agenzie, una volta accettate, sono dei veri e propri preliminari di vendita con tutte le implicazioni del caso!

Vuoi saperne di più sulla Due Diligence e sulle verifiche immobiliari? Leggi qui!

18 comments on “Notaio richiede dichiarazione urbanistica di un tecnico

Claudio
Reply

Io vivo in Emilia, ma mi sono trovato a dover acquistare un immobile a Trieste, dove studia mia figlia. Sul compromesso di acquisto la parte venditrice ha dichiarato la conformità edilizia/urbanistica dell’immobile, ma da successive indagini in Comune questo non risultava vero. La parte venditrice e l’agenzia spingono per il rogito, e io “resisto” nonostante le pressioni, insistendo per avere un Certificato di Conformità. Il problema è che a Trieste i Notai non sembrano aver recepito la disciplinare -complici le agenzie- e continuano a rogitare tranquillamente come in precedenza. A questo punto la domanda è la seguente: sulla base della nuova disciplinare, posso pretendere che il Notaio richieda il Certificato alla parte venditrice ? Grazie.

    Fabio Zerbinati Post author
    Reply

    Buongiorno e grazie per averci scritto,
    nel Suo caso direi che si va oltre la disciplinare ( è possibile che a Trieste non sia ancora recepita, mentre in Emilia-Romagna lo è a tutti gli effetti)e si entra nel normale diritto. La strada migliore prevede sicuramente che venga posticipato il rogito del tempo necessario al venditore per effettuare la giusta sanatoria delle difformità e rogitare nel pieno della regolarità urbanistica dichiarata in sede di compromesso. Questo è un atteggiamento pulito e trasparente applicabile se necessario tramite un’integrazione al preliminare (anch’essa da registrare) prolungando i termini essenziali ultimi per il rogito e descrivendo i fatti nella loro completezza. Massima tutela sua, del venditore e di tutta l’operazione. Un’ altra strada percorribile a discrezione del Notaio è quella che prevede di effettuare il rogito versando l’intero saldo prezzo ma lasciando in deposito al Notaio, tramite verbale di deposito, una parte di esso che il venditore potrà ricevere a sanatoria effettuata. Onestamente non vedo nessun ragionevole motivo, vista la pattuizione in compromesso, che Lei proceda all’acquisto in assenza di sanatoria. Nota sull’agenzia, non vedo per quale motivo pretendano questa “fretta” visto che comunque il diritto alla provvigione lo hanno già maturato. Attendo gli sviluppi, se vorrà, con l’augurio di essere stato chiaro e soprattutto utile. Può anche chiamarmi al 327-1443613. Cordiali saluti, Fabio Zerbinati

    Notaio Massimo d'Ambrosio
    Reply

    Purtroppo l’obbligo vale solo per i notai che hanno sede in Emilia e Romagna, trattandosi di una prescrizione dei consigli notarili di quella regione

      Fabio Zerbinati Post author
      Reply

      Buonasera Notaio, si la ringrazio per la precisazione importante. Ci auguriamo che presto la disciplinare si espanda anche nelle altre Regioni. È un passo importante a tutela dei consumatori e del mercato tutto. Invito il pubblico ASE a seguire i video del Notaio D’Ambrosio sul suo canale Youtube, chiari e sicuramente utilissimi.

Claudio
Reply

Ancora un paio di domande, vista la cortesia dimostrata.

Questa disciplinare dovrà essere recepita da tutte le Regioni e indicativamente con quali tempi ? Da quanto ho compreso l’Emilia è stata la prima.

A fronte della mancata consegna del Certificato, posso rifiutarmi di fare il rogito ? Non siamo più in condizioni di aspettare, visto che siamo ben oltre la data prevista dalla Proposta di Acquisto.

Grazie ancora, Claudio

    Fabio Zerbinati Post author
    Reply

    Buonasera,
    in teoria si ma non è dato sapere al momento le tempistiche. In Emilia Romagna è operativa dal 1° Settembre 2017 anche se diversi Notai hanno anticipato l’inizio applicazione. Tengo a precisare che tale disciplinare impone l’obbligo di verifica di un immobile da parte di un tecnico abilitato.
    L’obbligazione della disciplinare dunque, in questa situazione, è già superata poichè avete già noto che l’immobile è difforme e questa condizione è avvenuta dopo la stipula degli accordi di vendita (proposta e preliminare se effettuato)
    Rispondo per punti:
    A- La disciplinare è del Notariato quindi, nel caso, dovrebbe essere il Notaio a non rogitare in assenza di Certificazione se recepita.
    B- Visto quanto detto prima, nel Suo caso il venditore ha dichiarato (magari in buona fede) la conformità dell’immobile, cosa non verificata. Ora, una proposta di acquisto accettata ha valore di preliminare anche se non è adatta ad essere trascritta nei registri immobiliari (c’è però l’obbligo di registrazione presso l’Agenzia delle Entrate). Tale contratto, magari rinvigorito nella sua forza da un compromesso Notarile (è stato effettuato?), crea obbligazioni per le parti entrambe tra cui per il venditore di consegnare l’immobile a rogito nella Sua regolarità urbanistica. Ove questo non possa avvenire, il venditore stesso risulta semplicemente inadempiente alle obbligazioni contrattuali. Dunque il discorso non è tanto quello di rifiutarsi di fare il rogito, quanto di pretendere di fare il rogito solo dopo la sanatoria delle difformità in modo da rispettare gli acordi stipulati. Se queste possono essere sanate prima delle scadenze essenziali il venditore potrà provvedere, ove questo non fosse possibile per ragioni tecniche o di volontà Lei ha pieno diritto di seguire tre strade:
    1 – Dichiarare l’inadempienza (tramite un legale) e rivalersi sulle somme a deposito o caparre secondo termini di Legge
    2 – Accordare al venditore una procrastinazione dei termini ultimi per il rogito del tempo necessario alla sanatoria.
    3 – Come già descritto nel messaggio precedente rogitare lasciando una buona parte del saldo prezzo in deposito al Notaio che tramite un apposito verbale di deposito autorizzerà il venditore ad incassare quella parte di denaro solo a sanatoria effettuata (e positivamente conclusa).
    Resto in attesa di poter dare altre informazione se necessario. Non esiti a contattarci, è sempre un piacere poter essere di aiuto.

Vincenza*
Reply

Alla sua gentile attenzione.
I miei figli hanno acquistato un immobile da alcuni privati,sulla proposta d’acquisto fatta tramite un agente immobiliare i venditori dichiaravano che non ci fossero abusi edilizi,anche quando abbiamo rogitato davanti al notaio hanno dichiarato che tutto fosse in regola senza abusi o ipoteche,invece dopo abbiamo scoperto che la planimetria originale di questa casa era totalmente diversa da come è stata costruita anche se i venditori hanno aggiornato i dati catastali e rifatto una nuova planimetria .In comune mi hanno detto che bisogna pagare la sanatoria e che questo era compito dei venditori prima del rogito,ma i venditori rifiutano e i miei figli non possono ristrutturare la casa e stanno pagando un mutuo.Inoltre avendo richiesto un mutuo per acquisto e ristrutturazione non possono neanche pagare il materiale .Prima di presentare la proposta d’acquisto abbiamo assunto un tecnico per controllare qualsiasi abuso o altro ,la banca prima di accettare la richiesta del mutuo ha inviato un perito che controllasse l’immobile e i documenti,i venditori a loro volta avevano assunto un geometra per aggiornare i dati catastali ,allora mi chiedo è mai possibile che nessuno dei tre tecnici si sia accorto di questa irregolarità urbanistica?????

    Fabio Zerbinati Post author
    Reply

    Buongiorno. Mi racconta purtroppo una quotidianità basata sulla netta distinzione tra conformità urbanistica e conformità catastale. I periti incaricati dalle banche nel 99,9% dei casi verificano solo quella catastale che nella sua natura ha fini fiscali e poco o nulla conta ai fini urbanistici. Il problema è che aggiornare una planimetria catastale è estremamente semplice e veloce, ma non “sana” eventuali difformità urbanistiche pre-esistenti. Ora, per la verifica di conformità urbanistica è necessario richiedere presso il Comune di competenza gli elaborati grafici dei titoli abilitativi (es licenza di costruzione, condoni, ect ect). A Bologna, per esempio, solo questa attività chiede oltre un mese di tempo e quindi la stragrande maggioranza delle proposte di acquisto o preliminari di compravendita vengono redatti senza aver chiare le effettive circostanze degli immobili e presumo sia proprio quello che è successo a Lei. La presenza dell’agente è irrilevante ahimè, non è obbligo dell’agenzia controllare la situazione urbanistica ed edilizia…semmai un buon agente avrebbe dovuto farlo a prescindere dall’obbligo, mio personale commento visto che ho fondato ASE proprio per evitare queste pessime dinamiche di mercato.
    L’autocertificazione in sede notarile è chiara:”Il venditore dichiara e garantisce che l’immobile è stato costruito in forza di licenza pg n° …..e che da allora non ha subito modifiche tali ect ect”. Troverà una frase proprio come questa nel suo rogito e qui i dubbi sono pochi, anzi nulli. Il venditore aveva ed ha l’obbligo di rispondere della cosa venduta. Per andare oltre dovrei capire l’entità delle difformità trovate, ovvero se esse sono tali da cambiare l’oggetto contrattuale o se si parla di difformità interne. Nel primo caso si può arrivare alla nullità dell’atto, nel secondo resta fermo che sempre e comunque, ove non diversamente pattuito a livello preliminare, ogni costo di sanatoria è a carico del venditore. Purtroppo se non sono collaborativi vi dovrete avvalere di un legale e qui bisogna capire se il gioco vale la candela in termini puramente economici e logistici.
    Assolutamente vera, inoltre, la necessità di sanare per procedere alla ristrutturazione poichè ogni nuova pratica edilizia deve partire da uno stato legittimo conforme (salvo casi particolari in cui Lei non rientra, vedi immobili in costruzione per esempio). Resto in attesa di ogni altra notizia in merito, sarà un piacere poterLe essere di aiuto.

Flora
Reply

Buongiorno, le espongo il mio caso che può anche essere di interesse generale. Ho un accordo per vendere in immobile ante ’67 entro mura a Ferrara e ci apprestiamo al preliminare. Mentre la planimetria catastale sembra vedere al reale, ora scopro che agli atti del Comune il progetto approvato era diverso dallo stato di fatto attuale e l’evidenza è che così è sempre stato fin dalla sua costruzione quindi per modifiche in corso d’opera. Le difformità riguardano il mio appartamento (partizioni interne, elementi di facciata, marginalmente differente confine di proprietà col vicino) nonché parti comuni del condominio ed altri alloggi. Ma agli atti sono depositate anche certificazioni di “abitabilità” e perfino esplicitamente di “conformità al progetto approvato” rilasciate a fine lavori, datate pochi giorni di distanza dalla mappa catastale conforme. Dunque il benestare è stato rilasciato in maniera mendace dal funzionario comunale. Dovrei risponderne io?! Come procedo? Serve comunque sanatoria a mie spese e poi mi rivolgo al Tar o al precedente proprietario? Come se non bastasse, dagli atti sembra sussista sull’edificio un vincolo di tutela della soprintendenza di cui sono stata all’oscuro in questi anni di possesso del bene. Posso andare a compromesso con la pratica avviata o è troppo rischioso? Grazie per la sua attenzione.

    Fabio Zerbinati Post author
    Reply

    Buonasera,
    per prima cosa parto dal presupposto che le ricerche dei precedenti edilizi siano state svolte in modo corretto e che non siano sfuggiti titoli successivi (es condoni ect ect). Esco recentemente da un’attività proprio a Ferrara molto simile alla Sua seppur avente con oggetto immobile non vincolato. Le linee di attività sono due: personale e condominiale, entrambe necessarie in quanto oggetto della compravendita sono anche le parti comuni in relativa quota.
    Postulato fondamentale è che in una compravendita immobiliare è il venditore a dover garantire della cosa venduta, questo già di per se indica che spetta a Lei sanare la posizione dell’unità. Tale sanatoria prevederà inoltre le relative autorizzazioni da parte della Sovrintendenza: il suo tecnico provvederà direttamente alle relative segnalazioni (in caso non sapesse a chi rivolgersi posso metterLa in contatto con un’ottimo professionista di Ferrara dove anche io sono nato). Contestualmente a tali attività sarà necessario e dovuto che l’amministrazione condominiale si adoperi con solerzia per la sanatoria delle parti comuni secondo stesso schema, comprendendo inoltre le giuste ridefinizioni dei confini tramite l’operato di tecnici nominati dalla stessa. Le attività di ordine condominiale saranno ovviamente a carico dei condomini tutti in quota di proprietà.
    Di tutto questo si dovrà far giusta menzione nel preliminare Notarile e, visti i tempi non definibili per le due sanatorie (in special modo quella condominiale), sarà opportuno stabilire termini ultimi essenziali per la stipula del definitivo rogito sufficientemente ampi. Nel caso da me seguito pochi mesi fa, abbiamo adottato un iter leggermente diverso che Le espongo. Pattuite le attività tutte di sanatoria nel preliminare e recepita una relazione di fattibilità da parte dei tecnici nominati si è anche provveduto al rogito con l’accortezza di lasciare una parte del prezzo complessivo in deposito al Notaio rogante tramite apposito verbale di deposito. Tale somma incassabile dal venditore solo a titoli di sanatoria tutti perseguiti. In questo modo si è potuta svolgere la compravendita in assoluta serenità delle parti evitando il rischio dettato da inadempienze alle obbligazioni preliminari dipendenti da terzi (es ritardi delle amministrazioni effettivamente poi riscontrati). Ovviamente in tal caso le difformità rilevate non variavano l’oggetto contrattuale, per essere preciso e poterLe indicare la via più adatta a Lei dovrei visionare la pratica e l’immobile. Per quanto concerne gli aspetti legati al vincolo di Sovrintendenza fanno specifico riferimento le linee di diritto. Avendo Lei acquistato da terzi tramite rogito e potendo Lei dimostrare di non essere l’artefice delle variazioni fisiche del bene non autorizzate dubito possano esserci sensate ripercussioni in sede civile o penale. Per quanto concerne, invece, i suoi diritti è cosa certa che la regolarità molto probabilmente dichiarata dall’allora venditore in atto non era nella fattispecie dichiarabile. Due le strade: l’amichevole componimento ove ve ne sia la possibilità e volontà o la pretesa in altra sede ove non prescritti i termini. Resto in attesa , anche telefonica al 327-1443613, di sue ulteriori necessità o novità in merito. La ringrazio per avermi contattato e porgo i miei più cordiali saluti.

bruna
Reply

Salve, sto per acquistare una casa; negli archivi comunali il venditore ha procurato lo storico di tutte le licenze edilizie relative ad essa proprio per consentire ad un tecnico di elaborare la conformità edilizia. il problema è che proprio la prima licenza edilizia, quella di costruzione del fabbricato, non esiste una copia cartacea al momento, infatti cercando negli archivi il relativo numero compare una dicitura “pratica fuori posto”, al comune hanno detto che può capitare quando le pratiche sono molto antiche (risale al ’40), il venditore ha comunque altre licenze successive, ad esempio quella di adeguamento dei solai, e fanno tutte riferimento a questa prima licenza edilizia di cui quindi esiste numero e data di archiviazione ma non esiste una copia reale. A questo punto come si procede per la conformità edilizia? nelle pratiche urbanistiche successive, correttamente archiviate, non è sempre visibile tutta la planimetria della casa perchè sono sempre interventi parziali rispetto all’intero appartamento. La planimetria catastale è invece conforme allo stato dei fatti ma ho capito che ha poco valore.. grazie mille

    Fabio Zerbinati Post author
    Reply

    Buonasera. Non è raro purtroppo che presso le amministrazioni manchino delle buste di documentazione. Spesso non a causa delle stesse ma di soggetti che in passato le hanno sottratte e mai più restituite. Succede ma proviamo ad ovviare…. Mancando la licenza dell’intero edificio è proprio su quest’ultimo che si dovrà lavorare in congiunzione con l’amministratore di condominio. Le attività devono essere volte al deposito di una nuova abitabilità in sostituzione della non più esistente scheda tecnico descrittiva. E’ necessario che l’edificio abbia i requisiti tecnici richiesti dal Suo Comune (a Bologna ad esempio è richiesta la presenza del sifone Firenze, della regolarità degli impianti tecnologici delle parti Comuni ecc ecc). Per dimostrare la conformità dell’immobile una strada perseguibile a Bologna (specifico poichè vedo che Lei è in altro Comune) è quella di basarsi sulla planimetria catastale del primo impianto (1939/40). Ove tale planimetria conforme allo stato di fatto, essa può essere assunta come valida dimostrazione dei luoghi in corso di ottenimento dell’abitabilità (ripeto: A Bologna quindi sarà da verificare se il Suo Comune ha la stessa visione della dinamica.) In caso questa via non sia perseguibile a mio avviso è necessario riprensentare tutta la pratica di abitabilità ex-novo partendo da rilievo tecnico dell’edificio..prassi lunga e dolorosa. Per dimostrare l’esistenza del fabbricato al 1967, ove se ne presentasse la necessità non essendo i titoli disponibili ritenuti sufficienti, i tecnici potranno richiedere presso gli archivi fotografici dell’epoca eventuali foto aeree scattate con data certa. Ovviamente la nuova abitabilità andrà perseguita anche per la singola unità che a sua volta dovrà possedere i requisiti richiesti dal Comune. Per quanto concerne il Suo acquisto, ove Lei voglia fermare la casa, sarebbe opportuno stipulare un preliminare notarile con clausola sospensiva all’ottenimento dei titoli di conformità entro e non oltre data certa pena nullità dell’accordo senza perdita di denaro per entrambe le parti, vista la manifesta buona fede del venditore da quello che Lei mi scrive. Non sapendo cosa ci si deve aspettare, meglio tutelarsi e questo va anche a favore del venditore stesso. Escluderei a priori la possibilità ad ora di rogitare. Resto a disposizione per ogni altra informazione segnalando,inoltre, che sono in contatto con un bravo tecnico della Sua zona che potrebbe seguirLa da vicino e con il polso giusto sull’area di cui stiamo parlando. In attesa di risentirLa, la saluto.

Luca
Reply

Buonasera, sono un architetto alle prese con la prima attestazione di conformità urbanistica.
Vorrei sapere con quale metro di giudizio valutare un’eventuale difformità.
Mi spiego.
Come posso valutare la rilevanza di una difformità ai fini del rilascio dell’attestazione della conformità/non conformità urbanistica?
Ad esempio: una porta spostata di 20 cm rispetto ai progetti depositati comporta una non conformità?
Grazie in anticipo.

    Fabio Zerbinati Post author
    Reply

    Salve Architetto. La relazione ai fini Notarili obbligatoria in Emilia Romagna deve contenere la descrizione esatta di tutto ciò definibile difforme dallo stato licenziato. 20 cm è certamente una misura superiore alle tolleranze previste per lo meno a Bologna. Non è una modifica che va a cambiare l oggetto contrattuale, ma a mio avviso va assolutamente sanata ai fini di una compravendita. Importante anche verificare se tale modifica è su muro divisorio o strtturale/portante al fine di identificare la corretta pratica edilizia da presentare e l eventuale necessità in ordine sismico.

Valentina
Reply

Buongiorno

Ho acquistato nel 2017 una casa (in Toscana) ad una persona che l’aveva ereditata da un amico. Il venditore è ricorso ad un tecnico (geometra) che ha confermato al momento del contratto di fronte al notaio la conformità legale del bene.

Al momento di intraprendere i lavori di ristrutturazione, l’architetto che ho commissionato ha deposto il progetto in comune, il quale ha constatato la situazione non legale di una dependance situata in giardino ed una differenza di perimetro della casa rispetto a quanto registrato (40 cm su due lati). L’ufficio comunale ha insistito particolarmente sulla necessità di demolire la dependance (impossibile sanarla) ma stranamente non si è attardato sulla discrepanza constatata in quanto al perimetro reale della casa, la quale risale all’epoca stessa della costruzione (1910).

Mi ritrovo adesso nell’obbligo di distruggere la dependance. Ma che fare in merito alla differenza di perimetro constatata? Perché in comune a questa differenza non è stata data particolare importanza?

In più, quali sono i ricorsi dei quali mi posso prevalere di fronte al venditore (o al tecnico, il quale non ha svolto la sua missione di controllo in comune, ma solo al catasto) per un risarcimento o per l’annullamento stesso della vendita? E che modalità deve prendere il risarcimento per svolgersi nelle regole? Puo’ prendere la forma di un accordo fuori contratto o deve essere sanzionato davanti al notaio?

Grazie in anticipo per il suo aiuto

    Fabio Zerbinati Post author
    Reply

    Buongiorno,
    partiamo da un presupposto: essendo difformi sia fabbricato principale che accessorio siamo in nullità totale dell’atto e non parziale, nella seconda avremmo dovuto chiarificare il rapporto di quote. Io partirei all’attacco per “saggiare” la disponibilità del venditore a rispondere dei fatti. Ovviamente questo va fatto mezzo un buon legale di diritto civile per redigere le relative diffide. Una volta capito l’atteggiamento del medesimo venditore, e valutata la Sua voglia di mantenere l’immobile, in sede stragiudiziale si può anche tentare un “amichevole componimento” in simbiosi con un Notaio per la stesura dei nuovi atti. Tengo a precisare che per amichevole componimento a mio avviso sono dovuti come minimo tutti i costi di demolizione e smaltimento della depandance, i costi di sanatoria del fabbricato principale, una parziale restituzione del prezzo versato in quanto cambiante le consistenze e la restituzione parziale dell’imposta versata in quanto essa è stata calcolata su una consistenza catastale non rispondente al reale. Nel caso non sia possibile il componimento, purtroppo non c’è altra via che una sentenza in sede di giudizio. Preciso per rispondere implicitamente agli altri suoi quesiti: E’ il venditore responsabile della cosa venduta ed eventualmente a sua volta discuterà col tecnico che non ha svolto in modo corretto l’incarico di verifica conferitogli… Ultima cosa: la difformità del fabbricato principale è in eccesso o in difetto? Nel primo caso mi stupisce molto che il Comune non obietti (a meno che non abbia considerato l’aumento entro le tolleranze previste dagli strumenti urbanistici in essere) , nel secondo caso è un “male” sanabile senza troppi problemi per cui probabilmente lo hanno ritenuto secondario rispetto all’illegittimità della depandance. Mi può chiamare al 327-1443613 per approfondire e, se vuole, la posso mettere in contatto con un ottimo legale per più approfondite valutazioni. Spero di esserLe stato utile e di poterlo essere ancora di più in futuro, cordiali saluti

enrico
Reply

Buon giorno.Desidero acquistare un appartamento per il quale c’è la sanatoria pagata ,è in regola con il catasto,ma non c’è l’abitabilità.Si trova in una zona dove la maggior parte degli immobili non ha l’abitabilità .E’ Villagrazia di Carini ,zona di villeggiatura nei pressi di Palermo.La mia domanda è questa:posso chiedere il mutuo all’inps per l’acquisto? Io sono convenzionato in quanto impiegato statale.Grazie.

    Fabio Zerbinati Post author
    Reply

    Buongiorno Enrico, grazie per avermi scritto. Andiamo per gradi..il fatto che sia “usuale” non possedere abitabilità in zona non è giustificativo, deve esserci e va perseguita. Ora il punto è capire perchè non c’è. Esistono i requisiti e non è stata presentata o mancano i requisiti per ottenerla? Nel primo caso bisogna provvedere, nel secondo va analizzata molto bene la situazione per evitare di trovarsi con un pugno di mosche in mano a maggior ragione se ci troviamo in zone di tutela. Per quanto riguarda il mutuo ho provato a leggere i requisiti sul loro sito ma non vi è molto, per cui scrivo la regolare generale: l’immobile deve avere la regolarità urbanistica e quindi anche abitabilità o in mancanza di essa, fermala rogitabilità del bene,se ne deve essere tenuto conto in sede di determinazione del prezzo di cessione. Per dare una linea generale un immobile privo di tale requisito, che lo autorizza di fatto a svolgere la funzione civile ed economica per la quale è stato costruito, vale anche il 40% in meno del prezzo commerciale medio corrispondente. Io onestamente pretenderei di investire i miei averi in un immobile in regola anche dal punto di vista dell’abitabilità medesima. Per quello che riguarda la sanatoria in corso o conclusa, corre su un binario differente e non è di certo sufficiente a dormire sonni sereni nel tempo. Spero di essere stato utile e resto a disposizione per ulteriori chiarimenti. Cordiali saluti, Fabio Zerbinati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × tre =